Anteprima cambiamenti dell’algoritmo di Google per il 2013

Nuovi cambiamenti algoritmo Google per il 2013Tre giorni fa, precisamente il 13 maggio, nel canale YouTube ufficiale Google Webmasters è uscito questo video in cui Matt Cutts (si, proprio lui) ha pre-annunciato non solo che nei prossimi mesi ci saranno una serie di aggiornamenti all’algoritmo di Google ma,  per la prima volta nella storia del motore di ricerca, ha anche dato un’anteprima sul dettaglio delle singole “novità”.

Nello specifico sono stati elencati 10 punti principali che vi illustro qui di seguito:

1. Nuovo aggiornamento del “Penguin Update

Definito come “nuova generazione” dell’update Penguin il cambiamento inizierà già nelle prossime settimane e riguarderà sostanzialmente un ulteriore passo verso la lotta contro lo spam andando a colpire nuovamente i “temi caldi” della prima versione (keyword stuffing, cloacking, spam in generale, etc..). Vedremo quanti siti che si sono salvati al primo passaggio verranno colpiti con il nuovo update.

2. Advertorials

Negli ultimi mesi dopo la penalizzazione di un importante sito inglese (Interflora.co.uk) a causa dell’utilizzo di advertorials (articoli editoriali a pagamento) più volte Google ha ribadito che l’acquisto e la vendita di link sotto ogni forma viola le linee guida del motore di ricerca. L’aggiornamento a riguardo avrà l’obiettivo di penalizzare ulteriormente chi acquista o vende link.

3. Queries Spam

Alcune ricerche in ambiti particolari e border-line che tendono ad essere “spammose” di natura sono state spesso messe in secondo piano rispetto ad altre queries dal team per il search spam di Google. La volontà per il futuro è quella di affrontare anche questo tipo di queries.

4. Cercare a monte

“Upstream” è il termine usato da Matt Cutts in relazione all’approfondimento degli spammers, ovvero la ricerca di chi utilizza metodi che violano le linee guida del motore quindi in buona probabilità “schemi di link” e tecniche simili.

5. Sistema di Analisi dei Link più sofisticato

A quanto pare Google sta lavorando ad un nuovo sistema di analisi dei link che si trova ancora in una fase iniziale ma che quando sarà lanciato permetterà al motore di ricerca di comprendere in modo più approfondito ciò che ruota intorno ai link.

6. Siti hackerati

Nei prossimi mesi verrà lanciato un nuovo sistema di rilevazione degli hacked sistes che permetterà a Google di rilevare in maniera più efficace i siti con problemi; inoltre la volontà è quella di comunicare in modo più approfondito con i webmaster per evitare confusione ed aiutarli a risolvere i problemi del sito fornendo anche consigli specifici.

7. “Spinta” dell’authority

Da lancio dell’authorship in poi la volontà di Google è stata quella di favorire lo sviluppo di persone autorevoli (opinion leader) ed esperti di settore. L’obiettivo di questo aggiornamento è di migliorare le serp favorendo il rnaking in posizioni più alte per siti che hanno un autorità specifica in un determinato settore.

8. Un aiuto da Panda

Sembra che alcuni dei siti che sono stati colpiti dal Panda Update siano dei casi limite proprio sul “filo del rasoio”. Per aiutare questi siti Google sta cercando di “spostare” la linea della penalizzazione valutando nuovi fattori e parametri per la qualità così da “ammoribidire” l’impatto di Panda su alcuni di questi siti.

9. Gruppi di domini nelle serp

Google ha ricevuto diversi feedback su presunti “monopoli” di serp, ovvero lo stesso dominio che compare con pagine diverse in moltissimi risultati fino a monopolizzare diverse pagine dei risultati di ricerca. L’obiettivo di questo aggiornamento è di diminuire, almeno in prima pagina, il numero di risultati per uno stesso sito.

10. Più informazioni ai webmaster

L’obiettivo di Google è quello di migliorare la comunicazione con i webmaster iniziando a fornire anche dettagli ed esempi relativi ad ogni singola comunicazione fornita tramite Webmaster Tool.

Ecco il video originale

Inserito in:

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...