Come utilizzare il Tag rel="author"

Articolo liberamente tradotto da Everything you need to know about rel=”author”.

Il tag rel=”author” è un markup che permette di “concentrare” in un unico posto tutti gli articoli che hai scritto e che sono sparsi su Internet.

In questo articolo, sto per dirvi tutto ciò che occorre sapere sul tag author tra cui il motivo perché è importante e i possibili scenari futuri in cui questo tag verrà utilizzato per migliorare il vostro “brand” personale. Ciò è particolarmente importante se si è coinvolti nella creazione di contenuti e si sta provando a creare un marchio personale.

Per la persona che non conosce l’HTML, il rel =”author” / rel=”me” non è altro che un linguaggio marcatore che aiuta i motori di ricerca nel definire chi è l’autore di un articolo. Prima di entrare nello specifico e spiegarvi come applicare tecnicamente il markup, voglio aiutarvi a capire perché bisogna prenderlo in considerazione. Facciamo finta che siete degli esperti in un argomento e avete scritto articoli per una varietà di siti web su quell’argomento. Prima del tag rel=”author”, gli articoli che avevate scritto sul web erano frammentati e disgiunti, senza un posto centralizzato in cui si stabilisse che l’autore di tali articoli foste voi.

Il risultato era che si poteva benissimo essere un esperto in un campo, ma oltre il proprio sito web, non c’era modo per i motori di ricerca di ” unire i puntini” di tutti i vari luoghi in cui si era scritto.
Il rel=”author” raggruppa tutti gli articoli che avete scritto che sono sparsi su Internet in un posto.
Quel posto è il vostro profilo su google. (Arriveremo in che quando esploriamo il “come è”)

Perchè il rel=”author” è importante?

Ci sono un paio di ragioni per cui il markup author dovrebbe essere tenuto da conto. La prima ragione è che quando si è implementato corretamente il mark up, ogni volta che qualcuno utilizza la ricerca e vi capita di essere nei risultati, la vostra immagine del profilo potrebbe essere proprio accanto al vostro articolo; ciò aumenta le probabilità di un click sul vostro profilo.

Un’altra ragione per cui dovreste prendere in considerazione il tag rel=”author” è che verificando che siete gli autori originali di una pagina, sarà più probabile che siate accreditati come autori. In sostanza date al vostro contenuto un aiuto affinché non possa essere rubato da qualcun altro e magari finire posizionato davanti a voi nella serp.

La ragione principale è però ciò che che potrebbe accadere in futuro. Alcuni hanno teorizzato che in futuro Google potrebbe assegnare un valore di classificazione al tuo profilo di Google che potrebbe potenziare i singoli contenuti che si scrivono. In altre parole, se si mira ad essere considerato un esperto di motori di ricerca, allora la vostra pagina profilo autore potrebbe essere il collegamento tra tutti i vostri articoli “là fuori” e le vostre skills. In sostanza, la vostra esperienza vi seguirà dovunque andiate sul web.

Come applicare il tag rel=”author”.

Se utilizzate il markup per il vostro sito webci sono tre passi da seguire:

  1.  Aggiungere il mark up alla vostra pagina “about me” con il tag rel=”me” e collegare il link alla vostra pagine profilo di google. (potete inserirlo in qualsiasi parte all’interno della pagina).
  2. Aggiungere il mark up a ciascuno dei vostri articoli che puntano (linkano) alla vostra “abouta page” con il rel=”author”.
  3. Aggiungete un link al vostroo sito web nel vostro profilo di Google (assicuratevi di selezionare la casella che dice “questa pagina è specificamente su di me”).

In pratica:

  • Nella vostra “about page” – <a href=”url-profilo-google” rel=”me”>Vostro nome</a>.
  • Su ognuno dei vostri articoli – <a href=”yourwebsite.com/about-page” rel=”author”</a.
  • Sul vostro Profilo Google: linkate la vostra “about page” (assicuratevi di selezionare la casella che dice “questa pagina è specificamente su di me”).

Se state scrivendo articoli per altri siti, ci sono 3 passaggi da seguire:

  1. Aggiungere il mark up ad ogni articolo che scrivete con il tag rel=”author” e collegare il link alla vostra pagina autore sul vostro sito.
  2. Aggiungere il mark up alla vostra “abouta page” con il rel=”me” e collegare il link al vostro profilo Google.
  3. Includere il link autore nel vostro profilo Google.

In pratica:

  • (step 1- nei singoli articoli) <a rel=”author” href=”website-in-cui-scrivete/vostra-pagina-autore”>Nome link</a>.
  • (step 2- pagina profilo autore all’interno del sito) <a rel=”me” href=”google-profile-url.com”>Vostro Nome</a>.
  • (step 3-sul vostro profilo google) Link che punta alla vostra pagina autore.

Perché Google richiede una pagina “profilo”?

La ragione fondamentale è che la pagina del profilo completerà il ciclo e verificherà che l’articolo è in effetti degli autori.

Aggiornato il 18/12/2011: Google nella sezione di supporto per i webmaster ha messo a disposizione una guida su come implementare il tag rel=author e su come l’implementazione del tag possa essere utile al motore di ricerca per mostrare nella serp l’anteprima del profilo dell’autore.

Inserito in:

Lascia un commento

3 commenti

    • Ciao Stefano,
      bella domanda. Ufficialmente il meta tag author serve per dichiarare il nome dell’autore di un contenuto web ma in relazione all’authorship riconosciuto da Google (quello che permette di visualizzare l’immagine dell’autore nelle serp, per intenderci) nelle linee guida ufficiali non viene menzionato.

      L’authorship Google+ può essere convalidato (ad oggi) o tramite un indirizzo email che fa riferimento al sito che si vuole verificare o tramite una procedura di link reciproci tra il profilo Google+ dell’autore e il sito o le pagine del sito di cui l’autore detiene la “paternità”.

      Cercando in giro mi è capitato di trovare qualcuno che suggerisce di utilizzare il meta name author con il link del proprio profilo Google+ (tipo meta name=”author” content=”plus.google.com/ProfiloGoogle+”> ma non ho mai provato di persona e non so dirti se possa funzionare o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...