Layout del sito, pubblicità e penalizzazioni

Il layout e la grafica di un sito sono fattori importanti in ambito SEO e fanno la differenza quando si cerca di posizionare un portale; gli aspetti grafici e l’architettura di un sito web influiscono sulla qualità del sito e sulla user experience sotto molti aspetti che vanno dalla navigabilità alla velocità di caricamento delle pagine.

Google nelle linee guida per i webmaster, offre diversi consigli su come costruire un sito di qualità attraverso un layout usabile e un’architettura ordinata e capita spesso di leggere articoli e post su cosa fare e cosa non fare per rendere la grafica del proprio sito seo friendly.

L’ultimo consiglio del colosso di Mountain View rispetto questo tema è stato dato direttamente da Matt Cutts in un post del Blog di Google per i Webmaster, dove si parla di un aggiornamento dell’algoritmo di ricerca che va ad incidere sul layout dei siti; nell’articolo si legge “Sentiamo lamentele da parte degli utenti che se cliccano su un risultato ed è difficile trovare il contenuto effettivo, non sono felici dell’esperienza. Invece di scorrere in basso nella pagina passando una sfilza di pubblicità, gli utenti vogliono vedere i contenuti subito. Quindi i siti che non hanno una gran parte di contenuto “above the fold” possono essere interessati da questo cambiamento. Se si fa clic su un sito web e la parte del sito che si vede prima o non ha contenuto visibile above the fold o dedica gran parte della porzione visibile del sito alla pubblicità, questa non è una buona esperienza per  gli utenti. Tali siti non possono essere considerati altamente rilevanti”.

In poche parole se un sito presenta pochi contenuti rilevanti o molta pubblicità nella parte above the fold”, ovvero la parte visibile del sito senza dover scorrere in basso, quel sito potrebbe incorrere in una penalizzazione da parte di Google.

Secondo le stime di Matt Cutts questo nuovo cambiamento dell’algoritmo inciderà su circa l’1% dei risultati di ricerca. Chissà se Google si autopenalizzerà considerando che non lui stesso non rispetta le regole che impone?

Serp Google

Ecco una classica serp di Google – la parte above the fold per la maggior parte contiene pubblicità.

Inserito in:

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...